Risparmio Energetico con LED

I LED sviluppano pochissimo calore e non emettono radiazioni ultraviolette che in via generale sono dannose per l’uomo per lunghe esposizioni nel tempo e non emettono raggi I.R., dannosi per gli occhi per esposizioni dirette.

Contengono polvere di silicio, non contengono gas nocivi alla salute e non hanno sostanze tossiche, a differenza delle fluorescenti e delle lampade a scarica.

Possono essere quindi utilizzati nei luoghi dove è necessario prevenire incendi o scottature o dove gli alimenti potrebbero essere danneggiati dal calore della luce.

I costi di manutenzione degli apparati di illuminazione a LED sono stimati nell’ordine di un centesimo rispetto agli impianti attualmente in uso e quindi sono praticamente NULLI

I LED mantengono il 70% dell’ emissione luminosa iniziale ancora dopo 50.000 ore, secondo gli standard EN50107. Questo non significa che bisogna necessariamente sostituirli dopo questo periodo, se tale riduzione non crea fastidi si possono tranquillamente utilizzare fino alla completa perdita di luminosità, stimata in 100.000 ore.

Confrontando la durata dei LED rispetto alle lampade tradizionali si nota che :

• la vita media di una lampadina a filamento è di circa 1.000/1.500 ore
• di una lampada a scarica è di circa 4.000 ore
• di una lampada fluorescente è di circa 6.000 ore

Senza titolo

Inutile notare quanto sia significativa la differenza di durata rispetto al LED e considerando 8 ore di funzionamento medio giornaliero per tutto l’anno, una lampada a LED durerà circa 17 anni. Considerando le durate sopra riportate invece, nei 17 anni di durata dei LED quante lampade tradizionali avremmo dovuto sostituire? Già questo quindi ripaga totalmente l’investimento che si andrà a fare.

Le luci sono resistenti a qualsiasi tipo di vibrazione e a differenza delle lampade a risparmio energetico, i LED forniscono, fin dal momento dell’accensione, tutta la capacità luminosa a disposizione.

I LED generano calore ma lo trattengono al loro interno, difatti l’involucro è in grado di controllare il calore generato e di smaltirlo verso dissipatori esterni.

Questo vuol dire che la potenza usata viene impiegata al meglio per l’illuminazione, ottimizzando l’efficienza. I LED possono quindi essere installati a contatto con il legno, la plastica e tutti quei materiali che temono l’eccessivo calore.Di conseguenza la potenza da utilizzare per il raffreddamento dell’ambiente e il relativo costo, saranno notevolmente ridotti.

Senza titolo1